2019/04/14

Julian Assange consegnato alla polizia: come reagire




Hai fallito il test di Assange?


Caitlin Johnstone :
"L'arresto di Julian Assange è un momento di pericolo mortale per il giornalismo reale - un momento in cui il potere è responsabile. E' giunto il momento di giudicare coloro che dicono di essere giornalisti. Sono disposti a difendere il diritto di dire verità scomode o sono semplicemente lealisti dell'impero?

Non è il momento per i giornalisti di dither su Assange o di seguire i loro consigli. Se credi nella libertà di stampa e nel diritto di mettere a disagio i potenti, devi esprimerti. In caso contrario, non aspettatevi mai più di essere presi sul serio come giornalista.

(...) Se non superiamo questo test, gli oligarchi e le agenzie governative opache alleate con loro ci porteranno all'estinzione
o alla distopia orwelliana, e non ci sarà modo nella nostra cassetta degli attrezzi per fermarli".



Margarita Simonian, 11 aprile alle 14:34




E molto prima ancora:

"Il potere non concede nulla senza una richiesta. Non l'ha mai fatto e non lo farà mai. Scoprite a che cosa si sottometterà tranquillamente una persona e voi avete scoperto l'esatta misura dell'ingiustizia e del male che sarà loro imposto, e questi continueranno fino a quando non saranno resistiti con parole o colpi, o entrambi. "I limiti dei tiranni sono prescritti dalla resistenza di coloro che opprimono."
- F.A.W. Bailey, detto 'Frederick Douglass', (1818 - 1895).

"La giustizia è la coscienza, non una coscienza personale, ma la coscienza di tutta l'umanità. Chi riconosce chiaramente la voce della propria coscienza riconosce anche la voce della giustizia. "
- A.I. Solzhenitsyn, (1918 - 2008); Lettera a tre studenti, ottobre 1967.

"Silenzio sul male, seppellirlo così in profondità in noi che nessun segno appare sulla superficie, lo impianteremo, e in futuro aumenterà mille volte di più. Quando non puniamo o rimproveriamo coloro che fanno il male, non ci limitiamo a proteggere i loro tempi inutili, getteremo così le basi della giustizia su cui si basano le nuove generazioni".
- A. I. Solzhenitsyn; Arcipelago dei Gulag, 1958-68.

"Il semplice atto di un uomo comune coraggioso è di non partecipare alle menzogne, né di sostenere azioni false! La sua regola: che essa viene al mondo, che egli regna anche come maestro - solo non attraverso di me. Ma gli scrittori e gli artisti hanno il potere di fare molto di più: sconfiggere le menzogne! Perché nella lotta contro la menzogna, l'arte ha sempre trionfato e trionferà sempre! Ovviamente, inconfutabilmente per tutti! Le bugie possono prevalere su molte cose in questo mondo, ma mai sull'arte".
- A. I. Solzhenitsyn; discorso del premio Nobel per la pace, 1970.

"Se non puoi eliminare l'ingiustizia, almeno denunciala a tutti".
- A. Shariati, (1933 - 1977).


Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire